chi siamo il progetto i partner

Sostieni Stopndrangheta.it

facebook twitter flickr youtube

NEWSLETTER

Inserisci la tua email



per ricevere informazioni e aggiornamenti da StopNdrangheta.it


io parlo

dimenticati

gotica

il caso valarioti

dimenticati

non bacio le mani

i video

MEDIA - tutti - nascondi


Il caso Gioia Tauro (Blu notte)
Fino alle rivelazioni del pentito Giacomo Ubaldo Lauro (1993), il disastro ferroviario di Gioia Tauro (6 vittime e più di 50 feriti), avvenuto il 22 luglio 1970 in Calabria, è stato considerato un tragico incidente. La puntata di Blu Notte dell'8 ottobre 2011, condotta da Carlo Lucarelli, ne ricostruisce la storia includendola nel quadro della strategia della tensione e nell'ambito del patto tra destra eversiva e 'ndrangheta sancito nel corso dei moti di Reggio.

Sui sentieri della Memoria
A vent'anni esatti dal rapimento del fotografo di Bovalino, Lollò Cartisano, l'Aspromonte si rianima di colori e passi nel segno della memoria. Il 22 luglio 2013 più di 350 personehanno percorso i sentieri della montagna simbolo di una Calabria che, nonostante tutto, non si piega. Tra pietre e guadi si sono incrociati professionisti ed operatori della sicurezza, referenti delle maggiori associazioni antindrangheta, cittadini consapevoli, ma soprattutto i ragazzi che hanno partecipato ai campi che Libera organizza tra la Piana, la Locride, il reggino ed Isola Capo Rizzuto. Il video del regista Emiliano Barbucci, ripercorre le fasi salienti della marcia.

"Il giorno più lungo della 'ndrangheta" (III parte)
Un lungo ed approfondito documentario trasmesso nel 1980 nel corso del programma di Rai Uno "Antenna" curato da Federico Fazzuoli ed Emilio Sanna. In studio, a raccontare la 'ndrangheta all'Italia, ci sono, tra gli altri, lo storico Gaetano Cingari e i magistrati Giuseppe Tuccio e Guido Marino. In collegamento dalla sede Rai di Cosenza Antonietta Furci, la mamma del piccolo Giovanni, sequestrato il 15 gennaio 1980 a Locri, l'avvocato e deputato comunista Francesco Martorelli, il giornalista Luigi Malafarina. Con filmati dell'epoca. Un documento importante.

"Il giorno più lungo della 'ndrangheta" (II parte)
Un lungo ed approfondito documentario trasmesso nel 1980 nel corso del programma di Rai Uno "Antenna" curato da Federico Fazzuoli ed Emilio Sanna. In studio, a raccontare la 'ndrangheta all'Italia, ci sono, tra gli altri, lo storico Gaetano Cingari e i magistrati Giuseppe Tuccio e Guido Marino. In collegamento dalla sede Rai di Cosenza Antonietta Furci, la mamma del piccolo Giovanni, sequestrato il 15 gennaio 1980 a Locri, l'avvocato e deputato comunista Francesco Martorelli, il giornalista Luigi Malafarina. Con filmati dell'epoca. Un documento importante.

"Il giorno più lungo della 'ndrangheta" (I parte)
Un lungo ed approfondito documentario trasmesso nel 1980 nel corso del programma di Rai Uno "Antenna" curato da Federico Fazzuoli ed Emilio Sanna. In studio, a raccontare la 'ndrangheta all'Italia, ci sono, tra gli altri, lo storico Gaetano Cingari e i magistrati Giuseppe Tuccio e Guido Marino. In collegamento dalla sede Rai di Cosenza Antonietta Furci, la mamma del piccolo Giovanni, sequestrato il 15 gennaio 1980 a Locri, l'avvocato e deputato comunista Francesco Martorelli, il giornalista Luigi Malafarina. Con filmati dell'epoca. Un documento importante.

Solare ter, le operazioni di sequestro: il video
Sequestrati beni per 10 milioni di euro alle cosche Ierinò e Commisso, frutto dei proventi del traffico internazionale di cocaina: immobili, denaro automezzi, tra cui una Maserati. Nel corso delle indagini, portate avanti dal Ros e dallo Squadrone cacciatori col coordinamento del comando provinciale dei carabinieri di Reggio, è emersa una sorta di joint-venture tra le famiglie della Piana e quelle della Locride, come ha affermato l'Aggiungo della Dda di Reggio Michele Prestipino. Un affare gestito in comune sull'asse Calabria-Messico.