chi siamo il progetto i partner

Sostieni Stopndrangheta.it

facebook twitter flickr youtube

NEWSLETTER

Inserisci la tua email



per ricevere informazioni e aggiornamenti da StopNdrangheta.it


io parlo

dimenticati

gotica

il caso valarioti

dimenticati

non bacio le mani


Stop 'ndrangheta è un progetto lanciato dall'associazione SUD, vincitore nel 2008 del bando "Giovani idee cambiano l'Italia" promosso dal Ministro delle Politiche Giovanili e Attività Sportive. È stato realizzato con il contributo dell'Amministrazione provinciale di Reggio Calabria – Assessorato alla Difesa della Legalità, dell'Ufficio scolastico regionale per la Calabria, della Regione Calabria (Fondo Unico per la Cultura 2009). Gode, tra gli altri, del patrocinio dell'associazione Avviso pubblico-Enti locali contro le mafie e dell'Osservatorio Nazionale Ambiente e Legalità.

Scavare nella memoria, indagare con consapevolezza nel presente, ragionare sul futuro. E' lungo queste tre direttrici che si sviluppa il progetto "Stop 'ndrangheta", il primo archivio multimediale e multipiattaforma sulla criminalità organizzata in Calabria con un presidio fisico a Reggio Calabria e un sito internet che trasferisca sul web i contenuti. Obiettivo: raccontare storie, volti, vicende di mafia e antimafia mettendole a disposizioni di tutti perché nella conoscenza non devono esistere rendite di posizione e perché di 'ndrangheta si continua a sapere troppo poco nonostante sia la più potente e radicata organizzazione mafiosa d'Europa.

Ma Stopndrangheta.it è anche un centro propulsore di contenuti culturali: per rendere fruibile la mole sterminata delle informazioni, proporre elaborazioni originali, stimolare la creatività, creare una rete della memoria dell'antindrangheta, per favorire la libera circolazione delle idee e dell'arte. E per recuperare il meglio del nostro passato e immaginare un futuro diverso, socialmente sostenibile e fondato su una originale e trasparente identità meridionale. L'archivio multimediale si propone come strumento a disposizione di istituzioni, associazioni, partiti politici, sindacati, università e scuole, cittadine e cittadini che vogliono sapere di più della 'ndrangheta e della sua capacità di condizionare la vita delle persone, e desiderano impegnarsi in prima persona. La nascita e la crescita dell'archivio offriranno un'occasione tangibile per riflettere sull'origine e l'evoluzione della criminalità e per rispondere con le armi della conoscenza, della cultura e della memoria alla prepotenza delle cosche e della mentalità paramafiosa.

La memoria ritrovata - Per minare alle basi il consenso mafioso, rispondendo alla violenza criminale con le armi della cultura, Stopndrangheta.it ha attivato un'operazione di recupero della memoria attraverso una ricerca storica, giornalistica e sociologica dedicata alle vittime di 'ndrangheta (saranno raccolte fotografie, testimonianze, cronache giornalistiche) e alle stagioni più esaltanti della lotta antimafia nella nostra regione (documenti e testimonianze dei protagonisti). Non sarà trascurata, naturalmente, la ricostruzione, attraverso documenti istituzionali e giudiziari, dell'origine e dello sviluppo della stessa organizzazione criminale calabrese. L'esempio degli onesti, il sacrificio della meglio gioventù calabrese e una maggiore consapevolezza del fenomeno forniranno un'occasione per riflettere tutti insieme sull'identità presente e sulle prospettive future della Calabria.

La ricerca - Stopndrangheta.it è innanzitutto un contenitore che per la prima volta renderà veramente disponibili a tutti documenti istituzionali, atti giudiziari, cronache giornalistiche, immagini, video e audio, catalogati e sistemati nelle diverse sezioni della piattaforma multimediale e dell'archivio fisico. Alla graduale costruzione di Stopndrangheta.it parteciperanno anche altri archivi, pubblici e privati, che metteranno a disposizione del progetto i propri materiali.

Cultura "contro" - Un'apposita sezione di Stopndrangheta.it sarà dedicata alla cultura e all'arte, considerate armi di grande efficacia per contrastare la criminalità organizzata e la mentalità mafiosa che la alimenta e la sorregge. Film, documentari e cortometraggi, canzoni e musiche, spettacoli teatrali e libri troveranno ampio spazio nell'archivio con schede, commenti e interviste ai protagonisti. Grande visibilità sarà inoltre riservata agli artisti, ai gruppi, alle compagnie teatrali, e agli scrittori calabresi che hanno scelto la strada dell'impegno civile e della testimonianza "contro".

Network creativo - Non solo un contenitore di documenti e testimonianze. Stopndrangheta.it intende infatti offrirsi anche come polo creativo, un vero cantiere aperto a disposizione di giornalisti, video-maker, creativi, scrittori, fotografi, attori e registi teatrali uniti dal comune impegno civile e dal desiderio di esprimersi su questi temi, raccontando attraverso le proprie produzioni originali un altro Sud e un'altra Calabria.

La rete - Stopndrangheta.it vuole rendere vivo il materiale d'archivio con mappe conoscitive e finestre sull'attualità, stimolare la discussione e il confronto, sviluppare sinergie e attivare scambi, mettere in relazione istituzioni, partiti politici, sindacati, associazioni, scuole e università, case editrici, emittenti, professionisti e artisti per ragionare insieme attorno a una nuova identità meridionale.