chi siamo il progetto i partner

Sostieni Stopndrangheta.it

facebook twitter flickr youtube

NEWSLETTER

Inserisci la tua email



per ricevere informazioni e aggiornamenti da StopNdrangheta.it


io parlo

dimenticati

gotica

il caso valarioti

dimenticati

non bacio le mani

Risultato per parola chiave africo

TESTI - tutti - nascondi

Don Stilo: 50 anni tra polvere e altare
Per cinquant'anni sacerdote di Africo, nella diocesi di Locri, padre benefattore degli africoti secondo alcuni, prete-padrone secondo altri, don Giovanni Stilo (nella foto) è figura ambigua. I detrattori sono tanti quanti coloro che lo hanno esaltato da vivo e da morto. "Dio sa quanto bisogno di diplomi esista oggi in questa infelice terra calabrese, ex contadina e promessa industriale", giustificava il suo attivismo nel mondo della scuola. Processato e assolto dall'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, ai suoi funerali, nel 2000, fu così salutato dal vescovo Bregantini: "Chi opera fa fatica, deve scegliere, commette errori. La strada del pellegrinaggio nella vita è sempre polverosa, la fronte di chi lavora è sempre sudata. E non sempre gli amici che ti trovi accanto sono affidabili".

L'Altra Storia di Calabria - Quando gli africoti cacciarono i francesi
Un storia accaduta nella vecchia Africo sull'Aspromonte nel 1807 all'epoca della seconda calata delle truppe napoleoniche in Calabria, quando la guerriglia degli abitanti respinse lo straniero. Questa storia, tramandata dai vecchi africoti e dai casalinoviti loro vicini, dall'epoca in cui erano tutti pastori e contadini, è eccezionalmente ricordata anche in un libro stampato del 1927, "In terra di Bova" di Antonio Catanea: raro esempio di racconto che non rinchiude il popolo in storie patetiche di frustrante vittimismo: senza riscatto e senza gloria.

Gli anarchici di Africo e le persecuzioni degli anni 70 - Lettera aperta al giudice Frammartino
Uno dei protagonisti delle battaglie storiche contro la 'ndrangheta nella Locride dei decenni scorsi ripercorre la vicenda giudiziaria vissuta insieme ai fratelli, ai cugini e ai compagni di lotte. Una lettera aperta al magistrato che li ha tenuti in galera, tante domande che a più di 40 anni dai fatti sono ancora senza risposta.

Lollò Cartisano, rapito e mai più tornato
Lo hanno prelevato il 22 luglio del 1993. E' il diciottesimo e ultimo sequestro a Bovalino. E' morto per un colpo mal assestato alla nuca. Dopo dieci anni, una lettera rivela il luogo del suo sepolcro. Per il caso sono stati condannati in quattro. Nella foto in basso, i figli del fotografo durante la celebrazione del 15esimo anniversario a Pietra Cappa, che è stata anche una delle tappe della Lunga marcia della memoria

I pastori di Alvaro ora spacciano droga
recensione al romanzo Anime nere di Gioacchino Criaco

IMMAGINI - tutti - nascondi


Anime nere - la scheda
FILE - tutti - nascondi

Il padre degli africoti
Don Stilo, Africo, Casalinuovo e la storia dell'esodo. Il racconto di Rocco Palamara, uno degli anarchici che negli anni '60 e '70 ha combattuto durissime battaglie per i diritti e ha dato il via a un movimento giovanile antindrangheta nella Locride.

Inchiesta CRIMINE - Decreto di fermo (VOLUME II)
INDICE: 2.2 L'organizzazione denominata 'ndrangheta operante nella zona sud di Reggio Calabria, pag. 312-328 / 3. LA FASCIA IONICA, pag.328 / 3.1 Società di Melito Porto Salvo: la cosca IAMONTE, pag. 328 - 386 /3.2 La locale di ROGHUDI, pag. 386-453 / 3.3 La locale di PALIZZI, pag.453-456 / 3.4 La locale di AFRICO e la 'ndrina distaccata di MOTTICELLA, pag. 456-493 / 3.5 Il territorio di SAN LUCA e di NATILE DI CARERI, pag. 493 - 505 / 3.6 Elementi riguardanti i locali di GROTTERIA, MARINA DI GIOIOSA IONICA, Gioiosa Jonica e SIDERNO, pag. 506 - 552 / 3.8 La riunione di PLATI' del 25/06/2009, pag. 552 - 589 / 3.10 Riferimenti ad attività estorsive ed all'abusivo esercizio dell'attività finanziaria, pag. 590-624 / 3.11 Ulteriori riferimenti al locale di Gioiosa Ionica ed in particolare alle figure di DE MASI Giorgio, URSINO Antonio, URSINI Mario, pag. 625-637 / 3.12 Il locale di Marina di Gioiosa Jonica e la famiglia AQUINO, pag. 637-757 / 3.13 Il rapporto tra COMMISSO Giuseppe "il mastro" ed AQUINO Rocco, pag. 758 -775 / 3.14 COMMISSO Giuseppe "il mastro" e la società di SIDERNO, pag.775-890 / 3.15 Le problematiche nel locale di CAULONIA, pag.890

La rassegna del 2 novembre, ancora bombe del racket
DAI QUOTIDIANI LOCALI LE NEWS SU 'NDRINE E ANTINDRANGHETA SCARICABILI IN PDF / /Allarme racket in Calabria /Samo, i funerali di Sgambellone e la pista di Africo /Il caso Rappoccio sul tavolo del Csm /Vent'anni di 'ndrangheta nella Locride /Processo Telesis, Bruni nuovo padrino /Bergamini, il caso di nuovo in tv /Caso Duro, incontro in prefettura /Cosmai e Salsone, 'ndrangheta stragista /Corigliano, ancora niente diritti per i migranti