chi siamo il progetto i partner

Sostieni Stopndrangheta.it

facebook twitter flickr youtube

NEWSLETTER

Inserisci la tua email



per ricevere informazioni e aggiornamenti da StopNdrangheta.it


io parlo

dimenticati

gotica

il caso valarioti

dimenticati

non bacio le mani

LE MAPPE


Ricordando Saverio Strati
In un'intervista del 2001 lo scrittore racconta della Calabria e della calabresità, della necessità vitale della fuga e del necessario dovere dell'impegno civile. Per non dimenticare un grande maestro
LE SENTENZE


Rossella Casini - la sentenza di I grado (Domenico Gallico più 3)
Rossella Casini sparisce a Palmi il 22 febbraio 1981. E' una studentessa universitaria fiorentina ed è fidanzata con Francesco Frisina, coinvolto nella sanguinosa faida di Palmi tra i Gallico e i Condello. Saranno proprio il fidanzato, la sorella Concetta, il boss Domenico Gallico e Piero Managò (che sarà giudicato con rito abbreviato), ad essere accusati nel 1994 del sequestro e dell'omicidio della ragazza, punita, secondo la Dda di Reggio Calabria, perché "infame". Rossella Casini aveva infatti rilasciato alcune dichiarazioni ai magistrati in merito alla faida di Palmi e, soprattutto, spinto il fidanzato a fare altrettanto. Il 25 maggio 2006 la Corte d'Assise di Palmi assolve gli imputati con una sentenza assolutoria diventata definitiva. Nel prezioso documento giudiziario è ricostruita una vicenda dimenticata per oltre 30 anni.
LE MAPPE


Assedio alla cultura: la cronaca di 3 anni di roghi
Reggio Calabria è abituata al fuoco doloso. Negli ultimi anni però l'attenzione dei "piromani" si è spostata su obiettivi diversi, luoghi simbolo in città di impegno ad alto potenziale culturale. Un breve excursus degli episodi che dal 2011 ad oggi hanno colpito alcune realtà cittadine. Dalla Bandafalò di Porticello, al C.S.O.A. Angelina Cartella, dall'Orto Botanico alla Chiesa Ortodossa di San Paolo dei Greci, fino all'ultimo terribile incendio ai danni del Museo dello Strumento musicale.




Nuova intimidazione a Tiberio Bentivoglio
di redazione
Nuova intimidazione ai danni del testimone di giustizia reggino Tiberio Bentivoglio, impegnato da anni in una battaglia di denuncia e testimonianza contro il racket. Il titolare della sanitaria Sant'Elia, nel rione Condera, già sfuggito il 9 febbraio 2011 ad un agguato, ha ricevuto una lettera di minacce che aggiunge l'ennesimo capitolo ad una scia ventennale di danneggiamenti, attentati e intimidazioni scattata dopo la scelta di denunciare le richieste estorsive delle cosche. A Tiberio la solidarietà e la vicinanza di Stopndrangheta.it

"Lo Stato mi permetta di resistere"
di Tiberio Bentivoglio

"C'è chi dice no" - Dossier racket
di Danilo Chirico, Stopndrangheta.it

ISTANTANEE

Domenico "Dodò" Gabriele
Entrò in coma il 25 giugno 2009 a Crotone, colpito da un proiettile vagante sul campo di calcetto dove stava giocando. Morì tre mesi dopo presso l'ospedale di Catanzaro. Per l'omicidio dell'undicenne Domenico Gabriele, per tutti Dodò, ennesima vittima innocente e "collaterale" della 'ndrangheta, sono stati condannati all'ergastolo Andrea Tornicchio e Vincenzo Dattolo. A Dodò è intitolata la Bottega della Legalità di Libera a Reggio Calabria.

Nicola "Cocò" Campolongo
Cocò, tre anni, sparisce insieme al nonno, il pregiudicato Giusepe Iannicelli, ed alla sua compagna Itbissa Touss da Cassano allo Ionio (Cosenza) il 15 gennaio 2014. I loro corpi carbonizzati vengono ritrovati quattro giorni dopo nella zona antistante un vecchio casolare.

Nicholas Green
Nell'estate del 1994 Nicholas, californiano di 7 anni, è in Italia insieme alla sua famiglia, stanno andando in vacanza verso la Sicilia. Lungo l'autostrada del Sole la loro macchina, una Y10 noleggiata a Roma, viene scambiata per quella di un portavalori, il vero obiettivo dell'agguato. Intercettata l'auto i rapinatori iniziano ad inseguirla, ma senza successo, esplodono quattro colpi verso l'abitacolo, uno colpisce a morte Nicholas mentre dorme sul sedile posteriore. Il bambino muore in ospedale dopo due giorni di agonia ed i suoi genitori decidono di donarne gli organi. A lui è dedicata una Fondazione e intitolata una sala del Consiglio Regionale della Calabria.

MEDIA

Don Pino Demasi 1/2
Don Pino Demasi ricorda Ciccio Vinci ucciso a Cittanova nel '76 e l'esperienza delle coperative sociali nate dalle terre confiscate alla 'ndrangheta.

Don Pino Demasi 2/2
Don Pino Demasi ricorda Ciccio Vinci ucciso a Cittanova nel '76 e l'esperienza delle coperative sociali nate dalle terre confiscate alla 'ndrangheta.

Francesco Morano racconta Ciccio Vinci
Francesco Morano racconta l'amico e compagno di partito Ciccio Vinci Ciccio Vinci, diciottenne comunista e leader studentesco freddato dai killer della faida di Cittanova perché stava nel posto sbagliato e nel momento sbagliato il 10 dicembre del '76.