chi siamo il progetto i partner

Sostieni Stopndrangheta.it

facebook twitter flickr youtube

NEWSLETTER

Inserisci la tua email



per ricevere informazioni e aggiornamenti da StopNdrangheta.it


io parlo

dimenticati

gotica

il caso valarioti

dimenticati

non bacio le mani



La sera del 3 luglio 1985, Gianluca Canonico sta giocando nel cortile di casa nel rione Pescatori, nella zona sud di Reggio Calabria. Quando si scatena un conflitto a fuoco tra giovani del posto nessuno si preoccupa della sua presenza. Ferito da una pallottola vagante, Gianluca muore cinque giorni dopo in un letto degli Ospedali Riuniti. Ha 10 anni. Nato ad Anzio il 2 dicembre del 1974, da poco aveva ricevuto la prima comunione e a settembre avrebbe dovuto iniziare la scuola media. Amava il calcio, i robot e sfrecciare con la BMX, la sua adorata bicicletta. Viveva ad Ardea, città della provincia romana, in una casa vicinissima all'aeroporto militare dell'Aeronautica Militare. "Lui stava lì incantato alla finestra a guardarli ed il suo sogno era diventare pilota ". È questa una delle immagini che papà Pietro custodisce fra i ricordi più preziosi.


Gianluca Canonico
di redazione (03/07/2015) , foto foto di famiglia